top of page

Il Futuro di Celine

Prospettive future per Celine



E' stato un periodo elettrizzante per il settore della moda da quando Céline ha annunciato

i suoi cambiamenti all’inizio di quest’anno. Dopo un decennio di irremovibile regno di

Phoebe Philo al potere della moda francese, Hedi Slimane . stato scelto per assumere il

marchio lo scorso gennaio, lasciandosi dietro un anno e mezzo di speculazioni e previsioni

su quale direzione prenderà a Céline. Con il suo primo show a meno di un mese di distanza,

Slimane ha condiviso in silenzio i primissimi risultati della sua ristrutturazione di sei mesi.



Comprendevano il ritiro del logo originale del marchio, con l’accento sul carattere “E” eliminato

e allungato, seguito da un forte tentativo di lasciare il passato cancellando tutti i

post precedenti sull’account Instagram del brand. Inoltre, tutti i post della campagna

rilasciati dall’etichetta avevano tag #CelinebyHediSlimane.

Questi cambiamenti hanno ricevuto reazioni contrastanti, soprattutto

dai fan dell’ex direttore creativo, noti come Philophiles, che hanno paragonato la

partenza di Philo alla fine della grandezza del marchio, mentre altri erano entusiasti di

vedere un nuovo approccio all’etichetta dopo dieci anni. Ora . il mondo di Hedi. Non importa

il feedback, si prevede che il precedente successo di Slimane in Dior Homme e Saint

Laurent lo seguirà a Céline, anche se la sua identià. visiva differisce notevolmente da

quella del suo predecessore.



courtesy of Vogue

Slimane, con una storia positiva a portata di mano, è pensato per essere una forza uguale

a Phoebe Philo, che trasformò Céline in autorità della moda entrando nel 2008, con i suoi

sforzi che hanno triplicato gli utili del marchio nel corso degli anni.

Miracoloso non è il termine giusto per misurare l’influenza che Philo ha avuto a Céline,

quando ha trasformato il marchio in una centrale elettrica per accessori in pelle e borse

must-have che erano spesso esaurite prima ancora che arrivassero nei negozi...



Articolo in lingua originale by Ona Ford


Commentaires


bottom of page