top of page

‘Life In Vogue’ alla Milano Design Week 2018



Post in lingua originale by Masha Mitrofanova

courtesy of Masha Mitrofanova

Gli spazi dell'ufficio di Vogue o quartier generale di Conde Nast è uno di quei rari santuari di moda che può infondere la sensazione di "tuffo al cuore". Più o meno. Questo se sei uno studente di moda che si nutre di media stampati (un tipo raro) o un turista dell'Est Europa (io sono Russa, è una semplice osservazione). L'alone di mistero svanisce nell'oblio dei social media come una bolla di sapone. Quello che poteva essere una grande esperienza ispirazionale si trasforma in una veloce sessione di consumo, o una situazione da "photo booth" - uno stormo di bei vestiti stipati si fanno strada da una stanza all'altra. La velocità, suppongo, è dovuta alle sante pareti - possono solo "sopportare" così tanti intrusi.


courtesy of Tiziana D'Amico

courtesy of Tiziana D'Amico

La mostra vanta progetti di nomi affermati: Citterio Viel, Mario Bellini e Quincoces-Drago solo per citarne alcuni. Faye Toogood la cui interpretazione di Editor-in-chief di Vogue

La stanza del capo Emanuele Farneti era presente in The Business of Fashion, tele dipinte a mano

a drappeggiare lo spazio raffigurante le copertine della rivista; Sabine Marcelis che ritrae la creatività

Stanza del regista in gialli saturi e verdi in giustapposizione allo spazio vuoto vicino alla finestra,

la luce che scorreva nel tavolo di vetro con un taccuino vuoto strategicamente posizionato esattamente così. Il

affascinante duo di Muller Van Severen, la cui esecuzione di Vogue Talents / Casa Vogue mostra

scaffali disordinati con riviste, libri, note e strane bambole; una connessione tra mobili

e l'ambiente per non dimenticare una biblioteca chic.


courtesy of Tiziana D'Amico

courtesy of Tiziana D'Amico


courtesy of Tiziana D'Amico

Tutto sommato, si verifica una strana semplificazione. La proiezione di Patricia Urquiola del "futuro" in un "passato" di neon viola rovinato di fronte a piante da giungla che spuntano. La profumeria che brulica sul tavolo dell'ufficio del beauty editor di Michael Bargo crea sicuramente un concept favoloso... solo per Instagram; le affascinanti illustrazioni di moda di Elena Borghi in The Wardrobe room in contrasto con gli abiti appesi alle grucce; un senso di trascuratezza e disattenzione per i dettagli più piccoli delude un po'.



curtesy of Tiziana D'Amico

Grandi lettere "Life in Vogue" in diversi colori salutano i nuovi arrivati, la buona illuminazione esterna nel cortile lo rende perfetto.



Grandi lettere "Life in Vogue" in diversi colori salutano i nuovi arrivati, la buona illuminazione esterna nel cortile lo rende perfetto.

Parlando come Meryl Streep nei panni di Miranda Priestly: "Innovativo".

Comments


bottom of page