Michael Murphy "Perceptual Art"

Intervista esclusiva con Michael Murphy, artista di Perceptual Art per il nostro numero di luglio Latest Man. By Giampiero Amodeo.

Leggi di più sulla rivista QUI !!!



“A volte restare fermi sulla propria posizione è come avere un cappio al collo. A volte siamo così impantanati nelle nostre opinioni che non vogliamo vedere l’altra faccia della medaglia. A volte invece dovremmo soltanto vedere le cose da un punto di vista diverso. Forse per imparare qualcosa di nuovo, forse qualcosa di dimenticato, o forse per conoscere qualcosa che siamo soliti nascondere a noi stessi.

Michael Murphy ama mostrare come un cambio di prospettiva possa rivelare un’altra verità, di quelle che non ci piace vedere a una prima occhiata. Massimo esponente della Perceptual Art, la sua carriera prese il volo durante la campagna Art For Obama, e adesso è uno dei più discussi e rappresentativi artisti della sua epoca. Guardare le sue installazioni da diversi advantage point offre spunti di riflessione su politica, controllo delle armi, identità di brand, religione e patriottismo. Instancabile e prolifico, in ogni suo lavoro nasconde i suoi ideali in piena luce, grazie a uno stile ambiguo che ammanta di mistero anche i suoi progetti futuri.”



Latest) Più di dieci anni sono passati dal tuo primo ritratto di Obama. Sapendo che gli argomenti politici permeano ancora molte delle tue opere, pensi che la tua produzione futura possa sostenere nuovamente un candidato specifico?


No. Non penso che appoggerei mai un politico. Se l’inferno si congelasse e qualcuno ne inventasse uno onesto potrei considerarlo. Ho un codice etico personale che garantisce che non promuovo mai politici, compagnie farmaceutiche, organizzazioni pro armi, qualsiasi cosa relativa al complesso industriale militare o ad altre forze del male.

Molte delle mie opere sono spesso ambigue nel loro significato esatto. Lo faccio intenzionalmente in modo che il lavoro possa prestarsi a numerose interpretazioni potenziali; tutti sono corretti in un certo senso. Quando questo è il caso, l’interpretazione degli spettatori del pezzo diventa in qualche modo un riflesso di loro o del loro ambiente. Prendi ad esempio Gun Country. Le persone su entrambi i lati del dibattito sulle armi negli Stati Uniti apprezzano il pezzo. Ognuno vede il lavoro attraverso i propri occhi. I pezzi di Obama non erano avalli del candidato. In questi lavori la tecnica era una parte fondamentale della messaggistica. Erano illusione mediata. Erano ritratti di un individuo che in realtà non esisteva. Prendi i ritratti di ombre per esempio. Quando accendi le luci sono scomparsi. Le ombre erano un’altra componente del messaggio; un riferimento alle entità governative che operano nell’ombra - dietro le quinte.



Latest) Il punto di vista dell’osservatore ha un ruolo preminente nell’arte, forse di rilievo come l’artista stesso. Ma spesso l’artista evita intenzionalmente di evidenziare questo aspetto. Pensi che le tue opere siano un po’ più sincere riguardo a questo?


Prospettiva, punto di vista e punto di vantaggio sono tutte espressioni molto rilevanti nella descrizione del mio lavoro. Proprio come io uso spesso la tecnica come metafora e parte della messaggistica, queste espressioni o descrizioni sono anche componenti concettuali del lavoro...


Leggi il resto dell'intervista!