MyDogSighs intervista esclusiva

Intervista esclusiva con Paul Stone, artista di MyDogSighs per il nostro numero di luglio Latest Man. By Giampiero Amodeo.

Leggi di più sulla rivista QUI !!!



“Nonostante il suo nome, non ha mai avuto un cane. Ha invece una moglie, dei figli e un punto di vista molto particolare. Trova arte nella vita di tutti i giorni, lavorando con lattine di cibo per cani, spazzatura, vernice, vecchi libri, pareti. Sciogliendo l’arte della spazzatura e la street art, sentendoli come un regalo per tutti.

Il padre del Free Art Friday, MyDogSighs, è uno degli artisti più prolifici del suo tempo. A partire da 15 anni fa mentre lavorava come insegnante di asilo nido, la sua carriera ascendente lo ha portato in tutto il mondo, ora con due mostre imminenti a Roma e Melbourne ..



Commission for @cartfordinn in little Eccleston, Lancashire

Ho letto che il tuo nome deriva da uno scarabocchio su una recinzione che hai notato quando eri un ragazzo. Ho trovato interessante il fatto che l’origine della tua carriera di street art sia iniziata con una semplice scritta, ci sono altre ispirazioni dalla tua adolescenza che stimolano ancora la tua produzione?


Sono sempre stato il bambino che cammina fissando il pavimento, trovando tesoro nella spazzatura di altri popoli e innamorato ogni giorno dell’estetica della vernice scrostata e della ruggine. Porto ancora quei tratti con me e suppongo che abbiano ancora una forte influenza sul mio lavoro.


E che dire degli altri artisti del passato? C’è qualcuno che considereresti come mentore?


Vengo da una piccola città in cui non sono riuscito a trovare un mentore fisico. Mi sembrava di sviluppare il mio percorso attraverso prove ed errori. La creazione di Internet poi mi ha portato a seguire virtualmente una serie di artisti nel corso degli anni. Non ho una grande educazione nella storia dell’arte, ma sto facendo del mio meglio per cercare di capire i maestri del passato e di studiare i miei contemporanei.



@forgotten_project muro in Trastevere

@forgotten_project muro in Trastevere

Lo scorso marzo hai lavorato a Roma, su un antico muro del Complesso di San Cosimato a Trastevere. Com’è stato lavorare con questo edificio storico? Qualche differenza tra la City e la città eterna?


Il muro di Trastevere inizialmente mi ha fatto sentire frustrato. Era la taglia sbagliata per un paio d’occhi, non visibili da una certa distanza, coperto da porte, finestre e pareti di superficie che cadevano a pezzi. Ma sono pragmatico e ho iniziato a vedere questi problemi come opportunità. A causa di questi problemi iniziali sono stato in grado di pensare in modo creativo e ora sento che è uno dei miei lavori più forti. Anche il feedback del pubblico quando dipingevo era molto buono. Un sacco di gente del posto apprezzava la simpatia che mostravo al muro.



muro per #charteracademy scuola in Portsmouth

Leggi il resto dell'intervista sul magazine

mydogsighs MyDogSighs interview giampiero amodeo latestman latest magazine latestmagazine art artist rome trastevere forgotten project