top of page

"NYFW: Vera Wang SS 2020"


all images by Filippo Fior c/o gorunway.com | courtesy of vogue

Vera Wang libera il suo spirito ribelle e punk, tra corsetti a vista, reggicalze e minigonne con le balze. C'è anche del pizzo, della rete e dell'organza, che creano un effetto di vedo non vedo dalle sfumature grunge.

La collezione riprende e sviluppa l'estetica che da un po' domina il marchio, un mix vincente di puritanesimo inglese e post punk ribelle. La sfilata parla di liberazione personale e di genere e crea una parentesi nebulosa in cui abiti da giorno, abiti da sera e lingerie si mescolano e si esaltano a vicenda.



courtesy gorunway.com

courtesy gorunway.com

Dalla collezione traspare un'accurata perizia sartoriale, che si vede sui tessuti rigidi di corpetti, giacche e pantaloncini, ma si vede anche nel tulle leggero e trasparente, in nero nell'unica nota di colore pesca e albicocca del finale. Le stesse balze, gli stessi tagli e le stesse silhouette sono realizzate prima con tessuti spessi e consistenti e poi con materiali aerei e inesistenti. Forse è quesa capacità di tradurre uno stile così particolare e denso in qualcosa di impalpabile che in fondo ci piace tanto di Vera Wang. Anche in questa stagione è riuscita a creare un'equilibrio perfetto tra lo chic urbano e le correnti underground di periferia, prendendo a piene mani dalla storia del costume senza paura di sfidare qualche mito.


courtesy gorunway.com

courtesy gorunway.com

courtesy gorunway.com

courtesy gorunway.com

courtesy gorunway.com

courtesy gorunway.com

Words by Giulia Greco




Comentarios


bottom of page