top of page

"Spectrum"


Preview editoriale dal numero di Giugno


“L’immagine è qualcosa di indivisibile e inafferrabile, che dipende dalla nostra coscienza e dal mondo reale che essa si sforza di incarnare. Se il mondo è enigmatico, anche l’immagine è enigmatica [...] Nonostante non siamo in grado di percepire l’universo nella sua totalità, l’immagine è in grado di esprimere tale totalità.” Così si esprimeva Andrej Tarkoskij per una delle sue più grandi opere: Lo Specchio. Nel film il tempo si annulla e la poetica dell’immagine domina la scena. Forma di comunicazione potentissima, l’immagine ha il potere di superare le barriere del linguaggio e di comunicare cose altrimenti incomunicabili. Stimola direttamente la nostra sensibilità interiore, colpisce a fondo e senza mezze misure. Attraverso uno specchio non solo vediamo la nostra immagine, ma la vediamo inserita nel mondo che ci circonda. Contestualizzata. Non c’è confine tra sogno e realtà, non c’è confine tra ciò che è interno e ciò che è esterno.


Photography & Art Direction Alessandro Esposito c/o Productionlink Style Vittoria Rossi Provesi Film Giorgia Benazzo Makeup Barbara Bonazza Using Maccosmetics

Hair Style Matteo Bartolini @Freelancer Agency Using Dysonair & Randco Model Kely Ferr c/o Elite Model Milano

Photography Assistant Luca Trelancia Style Assistant Chiara Denaro Set Assistant Federica Lampone Casting Direction Vanessa Contini c/o Productionlink

Music Anton Fedchenkov






words by Giulia Greco



תגובות


bottom of page