top of page

Un riassunto di questa PFW ​



Dior PE19

Lunedì pomeriggio la settimana della moda di Parigi è iniziata con il botto. Sono stati presentati tre degli spettacoli più attesi di questa stagione. Dior per primo, seguito da Jacquemus e Gucci. Jacquemus ha seguito le sue solite linee guida con uno show chiamato «La Riviera», un cast etnicamente variegato e una prima fila piena di It-girls francesi. I pezzi più forti della collezione erano sicuramente le borse XXL nei toni della terra. Gucci ha poi seguito iniziando il suo spettacolo con una proiezione di film horror. Lo show si è tenuto nell'equivalente di Parigi dello Studio 54 e includeva una performance di Jane Birkin. La collezione era più caricata sessualmente del solito, inclusi i riferimenti a Dolly Parton e Janis Joplin.

Ma il vero botto è stato Dior. Con una collezione ispirata al balletto, Dior si è superato trasformando l'Ippodromo di Longchamp in una pista da ballo con pavimenti in legno e citazioni di Isadora Duncan e Pina Bausch. Nel caso questo non fosse sufficiente per impressionare gli ospiti di A-list una performance era anche nel menu, con ballerini che presentavano una coreografia preparata da Sharon Eyal sul pavimento in parquet scarsamente illuminato. Maria Grazia Chiuri ha fatto quello che sa fare meglio: abbellimenti, tulle e delicati abiti femminili.



Saint Laurent PE2019

​Il martedì è stato per Marine Serre, Afterhomework e Saint Laurent. E' partito bene con Marine Serre che ci ha offerto un assaggio di Couture Futurism con (per la prima volta) anche alcuni look da uomo. Lo spettacolo è stato tenuto fuori, su una passerella sopraelevata di Parigi. Tra i look che hanno fatto colpo c'erano scafandri e giacche utilitarie. Saint Laurent ha seguito l'esempio, usando ancora una volta la Torre Eiffel (tutto illuminato di bianco) come sfondo. Ma gli occhi sorprendentemente non erano su questo elemento, ma piuttosto sul pavimento d'acqua alto 0.8cm ai piedi delle modelle, dando una nuova interpretazione al camminare sull'acqua. Lo show è iniziato con alcuni abiti ispirati agli anni '80, mescolando pezzi scintillanti d'oro e neri. Stampe animalier e grandi spalle disegnavano le silhouette delle giovani donne ribelli. Mentre lo spettacolo andava avanti, l'ispirazione si spostò sul decennio precedente, gli anni '70.



Maison Margiela PE2019

​Mercoledì è stato per Maison Margiela, Mugler e Kenzo. Per Margiela, Galliano ha presentato una vera collezione unisex con modelli maschili che indossano abiti e viceversa. I capi decostruiti, il marchio dell'azienda erano ancora al centro della collezione. Il designer ha giocato con l'abbigliamento ufficiale e capi più frivoli come abiti di pizzo. Mugler, struttura mista e fluidità, ha offerto una varietà di trame e colori. Infine, Kenzo è stato uno scontro di stampe e colori con vibrazioni futuristiche attraverso gli accessori. Lo spettacolo comprendeva abbigliamento donna e uomo presentato in due diverse line-up.



Isabel Marant PE19

​Chloé, Off-White e Isabel Marant hanno avuto i loro show giovedì 28. A Chloé, Natacha Ramzay-Levi ci ha offerto la sua visione di una donna hippy dallo spirito libero che crea il perfetto guardaroba Coachella con i soliti vestiti fluidi. Gli ultimi look dello spettacolo erano ispirati alla dea greca e se c'è una cosa da ricordare sono i gioielli. Off-White si è inondato di look monocromatici incentrati su tre colori: giallo neon, bianco pulito e nero. Abloh ha anche seguito la tendenza della stampa animalier con alcuni total look in pitone giallo e nero. Isabel Marant ci ha lasciato con abiti da festa da far invidia con tutte le sue tutine lucenti. Ricami e denim non sono stati lasciati fuori dal giro e sono diventati l'outfit casual perfetto per il boho.



Céline PE2019

Loewe, Balmain e Céline sono stati presentati collettivamente venerdì. Il fil rouge di Loewe era la fluidità, mescolando cotone e raso, bohémien e classe, la collezione era molto cresciuta ma ancora rilassata. JW Anderson ci ha anche mostrato che le borse di paglia erano qui per restare. Per quanto riguarda Balmain, Rousteing ci ha regalato una rimonta della pista di Cara Delevigne e un esercito di supermodelle vestite come delle divinità egiziane. È Cleopatra che incontra la gloria di Parigi negli anni '80, con una collezione ispirata a monumenti parigini come la Piramide del Louvre o l'Obelisco di Luxor.

Tuttavia, quello che ha reso venerdì uno dei giorni più attesi di questo mese di moda non erano questi spettacoli. È stato il primo spettacolo di Céline di Hedi Slimane. Dopo un mese di esaltazione dello show, il pubblico internazionale ha finalmente dato un'occhiata al futuro di Céline. La collezione si chiamava Paris La Nuit, era presentata in una nuova sede, i modelli maschili indossavano abiti unisex mentre le donne indossavano abiti gonfi e le future It-bag sulla punta delle dita.



Sonia Rykiel PE2019

​Sabato abbiamo avuto il piacere di scoprire le collezioni di Altuzarra, Hermès e Sonia Rykiel. Altuzarra è stato un gioco da ragazzi nell'estate italiana con il film Call Me By Your Name come parte dello spettacolo. Con colori vivaci e stampe, il designer ci ha ricordato come dovrebbe essere l'estate a Positano. Hermès era sportivo e casual con capi strutturati. Se dovessimo descrivere i look in tre parole sarebbero tela, pelle e neutri. Lo show di Sonia Rykiel è stato un po' più speciale in questa stagione, visto che il brand ha svelato la nomina di un'allée parigina dopo il designer. Le modelle si arrampicavano sull'allée indossando i marchi di Rykiel: maglie e strisce. Julie De Libran ha mantenuto lo spirito del defunto designer in vita in questa collezione.



Givenchy PE2019

​Domenica sono stati Balenciaga, Valentino e Givenchy a splendere. Balenciaga ha portato la scenografia ad un altro livello con un tunnel digitale che circonda la passerella. Gvasalia ha iniziato una nuova tendenza che definisce "neo-sartoriale" in risposta alle aspettative di questa nuova generazione. A Valentino, lo spettacolo è iniziato con un esercito di look neri seguito da eleganti stampati colorati ispirati a pittori come Gauguin e Matisse. Givenchy è stato l'ultimo spettacolo del giorno, Claire Weight Keller ha creato il guardaroba perfetto per donne forti e potenti, tra cui i look da sofisticato abbigliamento maschile, saltando anche sulla barca «unisex». Anche se non ha dimenticato le sue radici, con abiti da sera ispirati agli anni '30, perfetti per soddisfare il suo cliente più famoso: Meghan Markle.



Alexander McQueen PE2019

Stella McCartney, Giambattista Valli e Alexander McQueen hanno avuto i loro spettacoli lunedì. Stella McCartney è stata la prima ad andare, con una collezione femminile e senza sforzo elegante, presentata al Teatro dell'Opera di Parigi. Più tardi quel giorno, da Giambattista Valli, i look sono stati ispirati a Marrakech, negli anni '60 e '70 senza tralasciare l'essenza del marchio con volant, mesh e look floreali. Alla fine della giornata, gli amanti di Alexander McQueen si sono trovati in piedi in mezzo alle pietre di Avebury a Parigi. Sarah Burton ha mixato sartoria e romanticismo, con molti pezzi strutturati in pelle e abiti vittoriani.



Chanel PE19

​​

​Dopo quattro intense settimane di moda, il martedì è iniziato con Chanel, seguito da Miu Miu e concluso con Louis Vuitton. Karl Lagerfeld ha presentato la nuova linea di Chanel Coco Beach allestendo una spiaggia nel centro di Parigi per ricreare il paesaggio dell'isola tedesca di Sylt. Cappelli e modelle provenzali con le scarpe in mano hanno conferito un'atmosfera rilassata all'estetica sofisticata del marchio. A Miu Miu, la collezione era piena di abiti da sera cresciuti, ma sempre con vibrazioni vintage eccentriche portate da paillettes e denim. Infine, per Louis Vuitton la principale caratteristica della sua collezione anni '80 / fantascientifica erano le maniche massicce.

tutte le immagini courtesy of Vogue


Articolo in lingua originale di Gaétane Auffret


Comentarios


bottom of page